16-05-2019 2 minuti

Sicilia: Le nuove frontiere del digitale (Conferenza)

Innovazione digitale ed applicazione al settore dell’agrifood, delle nuove tecnologie DLT e Blockchain, nonché IoT (Internet of Things) sono i punti cardine intorno ai quali si sviluppano gli interventi del convegno in programma per Giovedì 6 giugno presso il Centro Congressi MAAS – Mercati Agro-Alimentari Sicilia S.C.P.A. (SP70/Via Passo del Fico, 95121 Catania) e Venerdì 7 Giugno presso la sede di Sicindustria a Palermo in Via A. Volta, 44.

 

L’evento, patrocinato da Sicindustria Palermo con il circuito EEN, Manageritalia Sicilia, Afcea International – Capitolo di Roma, Anorc Professioni ed Anorc Professioni Sicilia, ed il Dipartimento BID (Business Innovation Development) dello Studio Viola – specialisti in commercio internazionale, si apre con i saluti istituzionali del Dott. Nino Salerno, delegato all’internazionalizzazione di Sicindustria Palermo e dell’On.le Jose Marano, Deputata dell’ARS. 

 

Al roadshow interverranno il Dott. William Nonnis, Full Stack developer del Ministero della Difesa, che ha delega allo sviluppo e allo studio della tecnologia blockchain dal Sottosegretario di Stato ed i Dott.ri Mauro Nicastri e Roberto Reale di AIDR, nonché il mondo accademico con il Prof. Filippo Sgroi dell’Università degli Studi di Palermo – Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Forestali, e quello della ricerca scientifica con il Prof. Marco Santarelli, Direttore scientifico di ReS On Network – Intelligence and Global Defence, Londra e Fondazione Margherita Hack e Capo Dipartimento Scienze dell’Uomo e Sociali PoliArte di Ancona (Laboratorio Complessità, Comunicazione e Intelligence), oltre ad Elena Albertini del Consorzio di Tutela Arancia Rossa di Sicilia IGP, Simona Riccio, Agrifood&Bio Social Manager, Marco Vitale di FoodChain e Saverio Ermanno Lorè, Presidente di Bologna Start up, importante network di start up innovative. 

 

Il roadshow è sviluppato in partnership con Ofcs.report, Res On Network - Intelligence and Global Defence, Londra, Fondazione Margherita Hack e il Dipartimento Scienze dell’Uomo e Sociali di PoliArte di Ancona (Laboratorio Complessità, Comunicazione e Intelligence) e sarà seguito live in broadcast dal media partner EvoDigitale. 

 

Intelligenza artificiale, gestione delle connessioni eterogenee (IoT, IoE), Big Data e “AgriData”. L’innovazione delle tecnologie digitali e la loro applicazione, anche a scopi predittivi, al mondo dell’agrifood si pone come un’importante sfida della nuova frontiera dell’agricoltura smart per la gestione della mole di dati che arrivano dall’Internet of Things e l’Internet of Everything, dai droni, da macchinari, da sistemi di rilevazione a livello territoriale così come dal meteo e dalle immagini satellitari. 

 

Le nuove tecnologie digitali consentono alle imprese agricole ad agli agricoltori di prendere decisioni in modo più veloce e più preciso trasferendo all’industria del food dati su prodotti e sulle attività legate alla produzione.

 

In particolare, la lettura dei dati relativi al terreno per migliorare la resa o il riconoscimento visivo per identificare la tipologia di danni provocati dai parassiti, finalizzando la ricerca verso un uso più efficace dei pesticidi oppure la gestione stessa dei sistemi di irrigazione e il consumo di acqua può essere ottimizzato con l’integrazione dei dati che provengono dall’esame preciso dei fabbisogni del terreno e dai dati relativi alle previsioni meteorologiche, per prevedere l’impiego di acqua ed indirizzare in modo efficiente le risorse.
 

Un evento utile agli imprenditori agricoli per capire quali sono non solo le potenzialità ma anche l’effettiva fattibilità, dell’applicazione delle nuove tecnologie all’interno della filiera agroalimentare.