Buoni spesa di 600 euro in Blockchain: ecco come

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il DECRETO-LEGGE 17 marzo 2020, n. 18, in pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, cosiddetto Decreto “Cura Italia”, introduce interventi a favore di imprese e famiglie, ma anche di lavoratori e associazioni di volontariato. Fin da una prima lettura, risulta evidente l’incompletezza del provvedimento e un’inadeguata attenzione alle imprese, che rischiano di essere quelle che pagheranno il prezzo più alto di questo stop forzato per esigenze sanitarie.

Nella speranza che gli annunciati provvedimenti di aprile vadano a risolvere concretamente i problemi delle aziende, alcune delle organizzazioni del settore cripto-blockchain hanno fatto valere le loro competenze mettendole direttamente al servizio del nostro Paese totalmente in maniera gratuita.

L’organizzazione ScryptaFoundation ha sviluppato, in questa fase di emergenza determinatasi per effetto della pandemia da Covid-19, contribuisce rilasciando l’uso gratuito al Comune di Vizzini di un sistema innovativo, basato sulla tecnologia blockchain di Scrypta. 

Il sistema si basa sulla dematerializzazione e gestione dei “buoni spesa”, attraverso la “tokenizzazione” dei buoni di solidarietà. Questo è uno dei primi esempi in Italia di uso massivo di token e della blockchain, per un uso quotidiano e di utilità sociale. 

Le risorse, stanziate dal Governo e dalle Regione in aiuto ai nuclei familiari più fragili e disagiati, servono per l’acquisto di beni di prima necessità, farmaci, e in particolare alla ”assistenza alimentare”. 

Così, per dare una soluzione immediata alla corretta distribuzione degli aiuti alle famiglie che hanno difficoltà economiche, Scrypta Foundation ha realizzato uno strumento sicuro e tracciabile, open-source, semplice e pratico nell’utilizzo, che fa risparmiare tempo e risorse al Comune. 

Social Pay, questo il nome dello strumento, è un sistema di pagamento digitale su blockchain che consente di superare molte difficoltà burocratiche, semplificando tutte le procedure. Inoltre permette di aggirare i problemi a cui si incorre normalmente con la distribuzione di buoni cartacei. Uno strumento del tipo “social card”, che si traduce in aiuti da distribuire in modo semplice e preciso per acquistare generi alimentari, subito disponibile e a costi irrisori.

“Social Pay è in sostanza un semplice ed intuitivo sistema di pagamento basato su carte in grado di far comunicare la Pubblica Amministrazione, il cittadino e gli esercenti aderenti alla piattaforma web — dichiara Andrea Nicastro, fondatore e membro del consiglio di amministrazione di Scrypta Foundation — Permette la dematerializzazione del buono spesa grazie alle nuove opportunità offerte dalla tecnologia blockchain”.

“L’implementazione capillare di un simile servizio — prosegue Andrea Nicastro — determina un notevole risparmio per la Pubblica Amministrazione dovuto alla semplificazione delle attività di controllo, distribuzione e pagamenti, certificati da sistemi algoritmici innovativi espressamente progettati per la validazione delle trasmissioni dei dati”.

Scrypta Foundation ha messo a disposizione del Comune, gratuitamente, la propria tecnologia, per dare un sostegno concreto in questa fase di emergenza.

Il progetto è open-source. Questo significa che è possibile replicare l’intero sistema per emettere e gestire i buoni spesa per qualsiasi ente, in sicurezza.

Scrypta Foundation mette infatti a disposizione la propria tecnologia a chiunque voglia contribuire al progetto. È possibile creare, in accordo con la volontà comunale, una copia del progetto e richiedere l’inserimento del codice tramite Pull Request sul Github dedicato, con il supporto di Scrypta Consortium, il contratto di rete delle aziende che operano su tecnologia Scrypta.

Come funziona

Sebastiano Cataudo, Core Dev e fondatore di Scrypta Foundation, spiega il funzionamento tecnico di questo innovativo sistema di pagamento che sfrutta la tecnologia blockchain — “Si tratta di un processo di “tokenizzazione” dei buoni spesa, ossia della creazione di un valore digitale corrispondente in token (gettoni) emessi all’interno della blockchain Scrypta, attraverso la tecnologia Planum.

Scrypta è un’infrastruttura blockchain decentralizzata, open source e permissionless, ideata per nuovi modelli di business e di gestione delle PA. L’algoritmo che regola Scrypta garantisce uno schema di transazioni ad alta velocità per trasferimenti di asset digitali e pagamenti istantanei”.

“Il sistema progettato consente al Comune/Regione di trattare i dati offline utilizzando un software open source da noi realizzato e donato all’uso gratuito — continua Cataudo — Il Comune distribuisce direttamente ai cittadini aventi diritto una Card con QR-code numerata ed assegnata in maniera univoca ai soggetti identificati dall’Ente. Assieme alla Card fornisce un PIN di 5 cifre che permette l’utilizzo esclusivo dei fondi. Infine il Comune può versare i contributi, anche a più riprese, facendo usare sempre la medesima card al cittadino (è una sorta di carta ricaricabile).

Gli esercenti che aderiscono al sistema vengono dotati di un’apposita applicazione web da installare sul loro smartphone o tablet (Pos virtuale), che permette di leggere il retro della Card assegnata al cittadino e prelevare le somme inerenti l’acquisto nella sua attività.

Il cittadino deve comunque autorizzare l’acquisto inserendo il PIN nel POS virtuale dell’esercente.

Ogni esercente tramite la sua applicazione web può controllare costantemente il proprio conto digitale, dove verifica in tempo reale l’accredito delle somme. All’interno dell’applicazione è inoltre presente una specifica funzione per poter chiedere il riscatto dei propri gettoni digitali incassati, inoltrando in modo semplice la richiesta di rimborso al Comune che procederà al saldo con bonifico bancario. Il Comune riceve le richieste di rimborso da parte dell’esercente e può controllare costantemente il corretto funzionamento.”

Più nello specifico SocialPay si propone come soluzione per la rapida erogazione da parte dei comuni nei confronti dei cittadini aventi diritto ai buoni spesa, a seguito della situazione di emergenza generata dal COVID19.

L’intero progetto è open-source, questo significa che puoi generare tutto l’occorrente per emettere e gestire i buoni spesa per il tuo comune. Questo repository è diviso per regioni e comuni e all’interno troverai i file che generano due tipi di progetti:

  1. Admin: questo progetto è una personalizzazione del software di gestione Scrypta Planum Admin, che serve a gestire le sidechain.
  2. Pos: questo progetto serve a generare il front-end per i commercianti e che permette di spendere i buoni
  3. Card: questo progetto serve a generare le card wallet stampabili in formato QR code per distribuirle ai cittadini

Una cartella generica chiamata documentazione contiene tutte le presentazioni, i sorgenti grafici delle card e i prestampati legali per la convenzione con il comune.

Come contribuire al progetto?

Se vuoi contribuire al progetto puoi creare, in accordo con la volontà comunale, una copia del progetto e richiedere l’inserimento del codice tramite Pull Request. 

All’interno delle cartelle troverai un file config.json che ti permette di configurare i parametri di base. Questi comprendono principalmente le modifiche grafiche, di titoli e, chiaramente, permettono di collegare la sidechain tramite indirizzo univoco.

La creazione della rappresentazione digitale di valore avviene attraverso la tecnologia Sidechain di Planum. Ci sono quindi delle operazioni preliminari da effettuare prima di poter iniziare a compilare i progetti:

  1. Vai su https://web.manent.app e crea un nuovo account Scrypta, inserisci una password forte, perchè questo account sarà l’account proprietario della sidechain. Effettua il backup del file .sid e del paper wallet per sicurezza, custodisci questi file gelosamente e offline.
  2. Ti serviranno almeno 1.001 LYRA per far partire la sidechain e dovrai versare almeno 0.1 LYRA per ogni account cittadino o esercente, se non dovessi esserne in possesso ti invitiamo ad effettuare una richiesta ufficiale all’email info@scrypta.foundation.
  3. Collegati su https://planum.dev e crea una nuova sidechain attraverso l’apposito tool di creazione. Rimandiamo ad una guida più dettagliata per eventuale supporto: https://medium.com/@scryptachain/scrypta-lancia-planum-un-sidechain-layer-per-lemissione-di-tokenized-asset-ee156d300f4d. I parametri consigliati per la creazione sono i seguenti:Ecco il documento che illustra in dettaglio il sistema di funzionamento:
  1. Dopo che avrai generato la sidechain dovrai appuntarti l’indirizzo univoco, che ti servirà per collegare le applicazioni alla tua sidechain. Questo indirizzo puoi trovarlo sempre su https://planum.dev/#/explorer alla riga corrispondente, sotto la colonna address.

Come compilare la parte di amministrazione

Il software di amministrazione è un progetto electron e dovrai modificare il file sotto admin/config.json inserendo i parametri richiesti e dovrai inserire i loghi del comune di riferimento nella cartella admin/public.

Dopo aver modificato tutto il necessario è possibile provare in anteprima il software attraverso il comando npm run electron:serve oppure creare la build vera e propria con il comando npm run electron:build.

Come compilare il web PoS

Il web PoS è un progetto VueJS e dovrai modificare il file sotto admin/config.json inserendo i parametri richiesti e dovrai inserire i loghi del comune di riferimento nella cartella admin/public.

Dopo aver modificato tutto il necessario è possibile provare in anteprima il software attraverso il comando npm run server oppure creare la build vera e propria con il comando npm run build.

La cartella di distribuzione dist dovrà essere pubblicata all’interno di un server Apache. È fondamentale che venga installato un certificato SSL, consigliamo il servizio gratuito https://letsencrypt.org/ che potrà fornire un certificato SSL gratuito.

Come creare le card wallet

Le card wallet vengono create attraverso lo script NodeJS presente nella cartella card. E’ necessario modificare i file grafici nella cartella assets/ al fine di personalizzare le card per il vostro comune. Il progetto genererà sotto la cartella prints/ il numero di card richieste ed il solo QR Code ad mandare eventualmente alla tipografia.

Un altro file out.csv verrà creato e conterrà tutti i PIN necessari a sbloccare le card. Questo file dovrà essere conservato gelosamente offline e servirà per importare le anagrafiche all’interno del software di amministrazione. Per caricare le anagrafiche si dovrà eliminare la seconda colonna.

Per generare le card si deve aprire il terminale e dare il seguente comando node index.js -g=100. Per modificare la quantità è necessario modificare il numero 100 con la quantità desiderata. È molto importante fare un backup della cartella prints e del file out.csv in quanto questi file vengono cancellati ad ogni nuova generazione.Fonte Scrypta Foundation