Federal Reserve: Un utente su quattro utilizza bitcoin per scopi criminali

18 Dicembre, 2019

Durante la conferenza finanziaria denominata “Monetary Policy: The Challenges Aheadin” che si è tenuta in Germania, il membro del Consiglio dei governatori della Federal Reserve degli Stati Uniti, Lael Brainard, ha nuovamente sottolineato il pericolo delle criptovalute per il sistema finanziario tradizionale, riporta Cointelegraph.

Secondo Brainard, circa il 50% di tutte le transazioni in rete di bitcoin viene condotta con scopi illegali:

"Uno studio ha dimostrato che oltre un quarto degli utenti di bitcoin e circa la metà delle transazioni in rete di questa criptovaluta sono associati ad attività illegali", ha dichiarato la donna d’affari.

Tuttavia, il nome della ricerca alla quale si riferisce Brainard non è stato specificato. Inoltre, uno studio del genere non potrebbe fornire i dati affidabili, poiché è impossibile calcolare il numero esatto di utenti nella rete di bitcoin, visto che una persona può possedere un'infinità di indirizzi.

Infine ricordiamo che, il gigante bancario Bank of America Merrill Lynch (BAML) ha stipulato una classifica con i migliori e i peggiori asset in termini di performance degli ultimi dieci anni. La classifica è guidata da bitcoin. Secondo BAML, $ 1 investito in BTC nel 2010 avrebbe potuto fruttare $ 90,026 in 10 anni.