Tulip Trust: la private key di Craig Wright non è altro che un mucchio di indirizzi bitcoin

16 Gennaio, 2020
Il finto creatore di Bitcoin, l’imprenditore australiano Craig Wright, a quanto pare, non ha avuto l’accesso al wallet chiamato “Tulip Trust”, che contiene 1.1 milioni di bitcoin. Secondo la famiglia del suo defunto socio in affari Dave Kleiman, Wright ha consegnato alla corte solo un elenco di 16.404 indirizzi bitcoin presumibilmente appartenenti a lui.  

Tulip Trus by Vlad Golub on Scribd

 

"Wright non ha fornito alcuna informazione sul corriere, per quale compagnia lavora, quando è arrivato, o sul contenuto del messaggio trasmesso", hanno affermato i legali della famiglia Kleiman.

 

Pertanto, è improbabile che l’uomo abbia l'accesso a 1.1 milioni di bitcoin che contiene il wallet.

 

La famiglia Kleiman ha chiesto alla corte di rinviare il processo per 90 giorni al fine di poter studiare i documenti di Wright in modo più dettagliato. I legali hanno anche preparato sette domande per l'imprenditore, in modo da chiarire meglio alcuni punti precedentemente non esaminati.

Inoltre ricordiamo che, martedì 14 gennaio, Craig Wright ha informato il tribunale che una terza parte, presumibilmente un corriere, gli ha consegnato la private key che consentirebbe di sbloccare il cosiddetto ‘Tulip Trust’. In totale, i conti del trust, presumibilmente, contengono $ 9,6 miliardi in criptovaluta, minata da Wright e il suo socio in affari Dave Kleiman.