BMW e VeChain rilasceranno una dApp per proteggere i proprietari di auto

La casa automobilistica tedesca BMW collaborerà con la crypto-startup VeChain per creare una piattaforma blockchain per proteggere i suoi prodotti dalla contraffazione, riporta Fuchsbriefe.

Le aziende rilasceranno un’app decentralizzata (dApp) di nome VerifyCar sulla blockchain VeChainThor. La nuova dApp raccoglierà tutte le informazioni sull’auto, inclusi chilometraggio, riparazioni e servizi aggiuntivi.

Inoltre, la nuova dApp è progettata per proteggere i clienti della casa automobilistica tedesca da venditori malintenzionati che ricorrono all’inganno per gonfiare i prezzi delle macchine. 

Secondo i rappresentanti di BMW, il controllo sui dati sarà concentrato direttamente nelle mani dei proprietari di auto:

“Sarà il cliente a decidere autonomamente quali dati e a chi divulgare, sia esso un’officina o un potenziale acquirente. Se le informazioni coincidono con i dati nella blockchain, il destinatario non avrà dubbi sulla loro autenticità”, afferma la dichiarazione di BMW.

I dati sul chilometraggio verranno raccolti in tempo reale utilizzando le apparecchiature di BMW e quindi trasferiti immediatamente alla blockchain. La società ha notato che la nuova pratica esclude qualsiasi tentativo di “modificare” il chilometraggio dell’auto.

BMW

La BMW è un’azienda tedesca produttrice di autoveicoli e motoveicoli, con sede a Monaco di Baviera. Attualmente, la società BMW è nella TOP-10 case automobilistiche in termini di capitalizzazione di mercato. Solo nel 2019, la casa automobilistica tedesca ha venduto circa 2,5 milioni di vetture

VeChain

VeChain è un ecosistema blockchain incentrato sul business (B2B) che mira a migliorare la gestione della supply chain collegando la tecnologia blockchain al mondo reale attraverso “una struttura di governance completa, un modello economico robusto e un’integrazione IoT avanzata”. VeChain consente ai produttori di assegnare prodotti con identificatori univoci sulla piattaforma, consentendo così ai propri partner di tracciare il movimento e la provenienza dei prodotti in una catena di approvvigionamento. 

Infine ricordiamo che, anche il principale concorrente della BMW, la casa automobilistica Mercedes-Benz, ha iniziato a testare la blockchain per lo scambio di dati. 

Per non perdere le notizie più importanti provenienti dal mondo delle criptovalute iscriviti a CryptoRivista su: Facebook Twitter Telegram LinkedIn.