Cattolica Assicurazioni lancia la prima polizza dedicata alla custodia di Bitcoin

Fonte immagine: Cryptorivista, Marco Laurenti

Nasce in Italia oggi la prima polizza assicurativa dedicata al mondo delle criptovalute.

La società Satec Underwriting, un’azienda del gruppo Cattolica Assicurazioni, ha iniziato a copre i rischi di CheckSig.

CheckSig è una startup italiana che offre il servizio di custodia Bitcoin per investitori istituzionali e high-net-worth individuals. Quest’ultima risolve i problemi legati alla sicurezza, alla complessità tecnologica ed alla conformità regolamentare.

Nel rispetto della privacy del singolo cliente, il servizio di custodia, a quanto afferma la società, è completamente “trasparente”. Una cassaforte di cristallo per i bitcoin, come fossero l’equivalente digitale dei lingotti d’oro, il cui contenuto e le cui aperture sono osservabili da tutti. Questa volta non sono più gli operatori del settore a definirlo digitale, ma anche una grande assicurazione italiana.

La trasparenza è la garanzia di verificabilità continua per auditor e clienti. Un’assoluta novità in un mercato che l’azienda definisce – “offuscato da paradigmi di sicurezza secretati e impossibili da valutare e quindi, per questo, continuamente tormentato da frodi e scandali” – anche se sappiamo bene come in realtà sia più semplice cadere in frodi e scandali attraverso l’utilizzo di moneta FIAT, e non di Bitcoin.

Quindi, CheckSig ha voluto aggiungere una copertura assicurativa al suo processo di custodia.

Grazie al know-how tecnologico di Satec Underwriting, società del Gruppo Cattolica, è nata una polizza su misura in grado di soddisfare le esigenze di CheckSig: primo e unico contratto assicurativo italiano nel settore delle criptovalute.

Finora queste tipologie di soluzioni erano appannaggio esclusivo degli operatori specializzati sui mercati londinese e statunitense. In particolare, la polizza va a coprire sia il vero e proprio furto durante le operazioni di prelievo dei Bitcoin custoditi, sia i danni derivanti da intrusioni e violazioni della sicurezza e legati al ripristino dei dati.

Nazareno Cerni, Amministratore delegato di CATTRe e Vicedirettore Generale di Cattolica Assicurazioni ha dichiarato:

Siamo particolarmente orgogliosi di questo prodotto perché grazie alle competenze dei nostri team è stato possibile costruire una polizza per rischi decisamente nuovi, in un settore che ha enormi potenzialità di sviluppo. Questo conferma la nostra capacità di sostenere l’industria più all’avanguardia nell’innovazione tecnologica offrendo coperture assicurative che difendono l’azienda e quindi i suoi clienti”. 

Un passo importante soprattutto per la tutela del c.d. contraente debole, ma dalle parole dell’azienda traspare ancora incertezza e inaccuratezza della comunicazione dovuta probabilmente alla superficialità nello studio delle tecnologia Bitcoin. C’è ancora tanta strada da percorrere.

Per non perdere le notizie più importanti provenienti dal mondo delle criptovalute iscriviti a CryptoRivista su: FacebookTwitterTelegramLinkedIn.

Crypto menzionate (1)

Bitcoin / BTC

$ 10767.03