Coinbase non pagherà più le FEE degli utenti ai miner

Fonte immagine: Coinbase Pro, Vlad Golub

L’exchange di criptovalute Coinbase Pro ha iniziato ad addebitare le FEE imposte dalle blockchain per il prelievo degli asset digitali. In precedenza, la piattaforma copriva tutti i costi degli utenti che avrebbero dovuto sostenere a favore dei miner per le proprie operazioni.

Coinbase Pro utilizzerà la propria stima dei costi di transazioni per il calcolo delle commissioni che dovranno pagare gli utenti ai miner di una determinata criptovaluta. Tuttavia, per il momento, le transazioni tra gli account verificati dell’exchange non sono ancora coperti dalle commissioni.

Fonte: Coinbase

La società ha spiegato questa decisione con un aumento del carico sulle singole piattaforme blockchain. Ad esempio, se nelle ultime settimane il costo del gas nella rete di Ethereum si aggirava tra i 100 Gwei e 200 Gwei, ieri è passato improvvisamente a 700 Gwei sullo sfondo di un airdrop condotto dall’exchange decentralizzato Uniswap del proprio governance token UNI.

“Storicamente, Coinbase Pro ha sempre coperto le commissioni a vantaggio dei clienti. Ma poiché l’uso delle criptovalute in DeFi e per i pagamenti sta aumentando ogni giorno – anche il carico sulle blockchain sta crescendo”, hanno dichiarato i rappresentanti dell’exchange.

Un altro annuncio importante di Coinbase pro è stato l’aggiunta al proprio listing del governance token di Uniswap – UNI.  Grazie alla notizia, il prezzo di UNI è cresciuto da $ 3,50 a $ 5,74.

Infine ricordiamo che, tutti coloro che hanno effettuato almeno un trade sulla piattaforma Uniswap prima del 1° settembre, hanno il diritto di ricevere 400 token UNI gratuitamente, cioè $ 2296. 

Per non perdere le notizie più importanti provenienti dal mondo delle criptovalute iscriviti a CryptoRivista su: Facebook Twitter Telegram LinkedIn.