Crypto.com ha lanciato DeFi Swap – il proprio fork del protocollo Uniswap

Fonte immagine: Immagine: Crypto.com, Vlad Golub

La società di pagamenti e l’emittente delle crypto-carte MCO, Crypto com, ha annunciato il lancio della piattaforma di nome “DeFi Swap” per il trading e Yield Farming dei token di finanza decentralizzata. La nuova piattaforma sarà un fork del celebre DEX Uniswap.

I fornitori di liquidità alla piattaforma DeFi Swap saranno ricompensati con lo 0,3% del volume di scambi nei rispettivi pool. Inoltre, è prevista una ricompensa aggiuntiva per coloro che faranno lo staking del token nativo della società CRO.

Per di più, passati 14 giorni dopo il lancio della piattaforma DeFi Swap, Crypto com ha garantito agli utenti un airdrop di almeno 1 milione di CRO al giorno.

La piattaforma DeFi Swap inizialmente supporterà le seguenti criptovalute:

  • ETH;
  • Tether (USDT);
  • Moneta USD (USDC);
  • Dai (DAI);
  • Catena (LINK);
  • Composto (COMP);
  • Crypto com Coin (CRO).

Cos’è DeFi Swap?

Secondo le dichiarazioni dei rappresentanti di Crypto com, DeFi Swap è un fork del protocollo Uniswap V2. Gli smart contract e il modello operativo della nuova piattaforma sono stati verificati dal team di sicurezza informatica di Crypto com e dagli specialisti di SlowMist. Il nuovo fork, così come Uniswap, sarà ospitato sulla blockchain di Ethereum (ETH). 

Dopo l’annuncio del lancio di DeFi Swap, il prezzo del token CRO è salito in pochè ore del 5%. Al momento della stesura di questo articolo, secondo i dati di CoinGecko, la moneta viene scambiata a $ 0,159.

L’analista di The Block Larry Cermak, commentando il lancio di DeFi Swap, ha osservato:

“Se il prezzo del token CRO dovessi iniziare il rally grazie al fork di Uniswap, ciò avrà delle conseguenze gravissime sull’intero mercato. Visto che a quel punto tutti inizierebbero a fare i propri fork e semplicemente implementare i propri token al loro interno per pompare il prezzo –  che cosa orribile.”

Infine ricordiamo che, ieri, un’altro fork di Uniswap – SushiSwap, ha avviato il processo di migrazione dei pool di liquidità, a seguito del quale il volume dei fondi depositati in garanzia nel progetto “originale” è sceso di oltre il 75%.

Per non perdere le notizie più importanti provenienti dal mondo delle criptovalute iscriviti a CryptoRivista su: Facebook Twitter Telegram LinkedIn.