Fidelity Digital: Bitcoin come garanzia per prestiti in contanti

Fonte immagine: Cryptorivista, Vlad Golub

Fidelity Digital Assets consentirà ai suoi clienti istituzionali di impegnare Bitcoin come garanzia contro prestiti in contanti in una partnership con la startup blockchain BlockFi.

Il gestore patrimoniale con sede a Boston Fidelity Investments manterrà l’asset digitale e non concederà prestiti, ha dichiarato in un’intervista Tom Jessop, presidente di Fidelity Digital Assets. 

L’obiettivo sono gli investitori di Bitcoin che vogliono trasformare la loro scorta digitale in denaro senza vendere, e i potenziali clienti includono hedge fund, cripto miner e trading desk, ha affermato Jessop.

Il nuovo servizio di Fidelity

Il nuovo servizio di Fidelity arriva dopo che Bitcoin ha battuto il suo prezzo più alto del 2017 all’inizio di questo mese, prima di ritracciare negli ultimi giorni. 

La risorsa digitale più preziosa del mondo è aumentata del 164% quest’anno, raggiungendo un massimo di $ 19.462 il 3 dicembre. È stata scambiata lunedì a circa $ 18.880. Anche altre criptovalute come Ethereum e Litecoin hanno visto dei guadagni.

Per saperne di più: Fidelity Digital Assets: Stiamo lavorando sull’integrazione di Ethereum

Possedere Bitcoin per sostenere i prestiti è “una capacità fondamentale”, ha detto Jessop. Con la crescita dei mercati, ci aspetteremmo che questa diventi una parte abbastanza importante dell’ecosistema.

Fidelity ha affermato che l’interesse degli investitori istituzionali per le valute digitali è in aumento. Un sondaggio condotto dal gestore patrimoniale all’inizio di quest’anno ha rilevato che il 36% degli intervistati deteneva criptovalute nel proprio portafoglio. Più di sei su 10 hanno espresso interesse per Bitcoin e altre criptovalute, rispetto al 47% in un sondaggio del 2019.

Fidelity ha avviato un servizio di custodia di Bitcoin l’anno scorso, ma questa è la prima volta che consente di utilizzare le monete come garanzia. Per ottenere un prestito, un cliente Fidelity dovrà avere un account con BlockFi.

Mentre Jessop ha detto che immagina che i prestiti siano a lungo termine rispetto ad un tipico scambio di “pronti contro termine”, sono ancora di un tipo – un accordo tripartito – che è familiare a tutti a Wall Street. 

Le criptovalute vengono accettate per usi finanziari più tradizionali, come le carte di credito Visa che offrono premi Bitcoin e PayPal Holdings Inc., che consente ai clienti di utilizzare l’asset digitale presso i 26 milioni di commercianti sulla sua rete.

BlockFi gestirà il rischio della famosa volatilità del Bitcoin offrendo denaro per il 60% di un prestito garantito dall’asset digitale, ha affermato l’amministratore delegato Zac Prince. Tuttavia, il programma ha spazio per la personalizzazione a livello del cliente e potrà essere adattato per soddisfare le esigenze delle grandi aziende.