Gli hacker di Lazarus attaccano gli specialisti della blockchain e criptovalute su LinkedIn

Il gruppo di hacker Lazarus, presumibilmente collegato al governo della Corea del Nord, ha preso di mira chi cerca lavoro nel campo della blockchain e criptovalute utilizzando il social network LinkedIn. Tale notizie è stata pubblicata dalla compagnia di sicurezza informatica F-Secure.

Secondo il rapporto di F-Secure, alcuni specialisti hanno ricevuto offerte di lavoro su Linkedin contenenti un file dannoso (virus). I ricercatori hanno scoperto che il software (virus) in questione è stato creato nel 2019 ed attualmente il suo codice è disponibile sulla popolare piattaforma di sicurezza informatica di norme VirusTotal.

“Il compito principale del virus è quello di ottenere l’accesso al computer della vittima per rubare le criptovalute”, afferma il rapporto.

Gli specialisti di F-Secure ha sottolineato che Lazarus opera nell’interesse del governo della RPDC (Corea del Nord). Gli esperti ritengono che attualmente i loro attacchi vengono condotti anche alle organizzazioni al di fuori del settore delle criptovalute.

Così, di recente, le multinazionali Canon e Garmin sono stati attaccati da un ransomware di criptovalute che ha costretto le aziende a pagare il riscatto multimilionario in criptovalute. Inoltre, il 22 agosto, si è scoperto che anche i server dell’università di Utah sono stati colpiti dal virus “strozzino”, a causa del quale i dirigenti dell’istituto sono stati costretti a pagare un riscatto che ammonta a circa 500,000 dollari in criptovalute. 

Per di più, a metà agosto, l’esercito americano (US ARMY) ha annunciato che il governo della Corea del Nord ha assunto circa 6,000 da tutto il mondo per condurre le azioni dannose. Alcuni di loro appartengono al gruppo Lazarus, il cui compito, secondo l’esercito americano, è quello di creare il cosiddetto “caos sociale“.

Infine ricordiamo che, nonostante la loro “giovane età”, la storia di bitcoin e altre criptovalute è già ricca di eventi clamorosi e incidenti eclatanti associati allo scam, varie truffe e scheme ponzi. Clicca qui per scoprire “Il lato oscuro delle criptovalute”.

Per non perdere le notizie più importanti provenienti dal mondo delle criptovalute iscriviti a CryptoRivista su: Facebook Twitter Telegram LinkedIn.