Il fratello della fondatrice di OneCoin testimonierà contro la sorella

Il fratello della fondatrice della piramide finanziaria (schema ponzi) di criptovaluta OneCoin da 4 miliardi di dollari, Ruja Ignatova, ha accettato di testimoniare contro la sua sorella in cambio di essere escluso dalla lista degli imputati in una nuova causa civile presentata dagli investitori, riporta Cointelegraph.

Secondo i termini dell’accordo, Konstantin Ignatov ha accettato di collaborare con gli investitori di OneCoin che hanno intentato la causa e testimonierà a loro favore se il caso va in tribunale.

Konstantin Ignatov è stato arrestato a marzo del 2019 all’aeroporto di Los Angeles. Successivamente si è dichiarato colpevole di diversi capi di imputazione.

Il governo degli Stati Uniti si è assicurato un rinvio della condanna di Ignatov, affermando che la cooperazione con lui non è ancora stata completata. Grazie alla sua testimonianza, l’avvocato di OneCoin Mark Scott è stato riconosciuto colpevole di frode e riciclaggio di denaro per 400 milioni di dollari.

Inoltre ricordiamo che, a luglio, due uomini che promuovevano la piramide di criptovaluta OneCoin nella regione latinoamericana sono stati trovati assassinati in Messico.

Infine sottolineiamo che, la storia di Bitcoin e di altre criptovalute, nonostante la loro giovane età, è già ricca di eventi clamorosi e incidenti eclatanti come SCAM, hacking, scheme ponzi, etc. Per scoprire di più sul lato oscuro delle valute digitali potete leggere il nostro articolo al riguardo.  

Per non perdere le notizie più importanti provenienti dal mondo delle criptovalute iscriviti a CryptoRivista su: Facebook Twitter Telegram LinkedIn.