La Banca di Francia ha iniziato i test dell’euro digitale

La Banque de France (la banca di Francia) ha iniziato i test della propria CBDC (Central Bank Digital Currency) per i pagamenti interbancari, riporta Cointelegraph.

In questo modo, il governatore della Banca di Francia, Villeroy de Galhau, ha mantenuto la propria promessa di iniziare gli esperimenti con la valuta digitale entro la fine del primo trimestre del 2020. Da notare che la Banque de France non insiste sull’uso della blockchain come tecnologia base per il funzionamento del “crypto-euro”.

Come parte dei test, la banca centrale francese prevede di modellare i rapporti finanziari interbancari tramite CBDC, per identificare i potenziali rischi e i vantaggi.

“I test saranno il contributo della Banca di Francia ad una discussione più ampia all’interno dell’UE in merito alle transizioni tramite le valute digitali. Questo che stiamo facendo sono i  test e non sono pensati per durare o essere utilizzati dalla Banca centrale stessa”, afferma il comunicato delle Banque de France.

Inoltre, il regolatore sottolinea che il programma di test non implica la creazione di una grande offerta dell’euro digitale al pubblico. I token creati, dopo aver completato la transazione, verranno distrutti alla fine ogni giorno. 

Infine ricordiamo che, di recente, la BCE insieme alla Banca dei regolamenti internazionali (BRI) ha creato una task force per esplorare le possibilità delle CBDC.