La gestione di SushiSwap passa all’exchange FTX

Fonte immagine: Immagine: CryptoRivista, Vlad Golub

Il fondatore della piattaforma DeFi (finanza decentralizzata) SushiSwap, il personaggio sotto lo pseudonimo”Chef Nomi“, ha annunciato di aver trasferimento il controllo sul progetto al fondatore e CEO dell’exchange FTX, Sam Bankman-Fried.

Il CEO dell’FTX ha notato che il suo team sta ancora verificando i diritti trasferiti, ma ha comunque ringraziato “Chef Nomi” per “aver fatto ciò che era necessario“.

Il giorno prima, il fondatore della piattaforma SushiSwap ha venduto la metà dei 27 milioni di dollari in token SUSHI destinati allo sviluppo del progetto, il che ha fatto crollare il prezzo della valuta digitale del 50%.

“Spero che  il progetto SushiSwap possa crescere bene senza di me. Voglio sottolineare ancora una volta, non avevo intenzione di causare danni o truffare qualcuno”, ha scritto “Chef Nomi”.

Tuttavia, il consulente tecnico della Fantom Foundation André Cronje ha chiesto a Chef Nomi, visto il suo abbandono del progetto, di restituire i 14 milioni di dollari nel fondo per gli sviluppatori.

Molti utenti hanno sostenuto la richiesta di Cronje. Anche Sam Bankman-Fried, il nuovo CEO di SushiSwap, che ha preso parte alla discussione, ha esortato “Chef Nomi” di restituire i fondi.

Grazie alla notizia del passaggio delle piattaforma SushiSwap all’exchange FTX, il prezzo del token SUSHI, secondo i dati della piattaforma analitica CoinGecko, è aumentato da $1,16 a $2,59.

prezzo sushiswap coingecko 06.09.2020
Fonte: CoinGecko

Tuttavia, le opinioni delle crypto-community sul passaggio di proprietà di SushiSwap si sono divisi. Alcuni credono che un team esperto e pieno di risorse [FTX] potrà aiutare SushiSwap a superare le difficoltà. Mentre altri hanno notato che l’exchange FTX è il più grande holder di token SUSHI e, insieme al pieno controllo sul protocollo, ciò potrebbe portare alla centralizzazione della piattaforma.

Per non perdere le notizie più importanti provenienti dal mondo delle criptovalute iscriviti a CryptoRivista su: Facebook Twitter Telegram LinkedIn.