L’ABI lancia uno studio sull’emissione di CBDC

Fonte immagine: Cryptorivista, Crypto Rivista

L’Associazione Bancaria Italiana, ABI, sta conducendo dei test sull’euro digitale poiché la Banca Centrale Europea deve ancora prendere una decisione chiara sull’eventuale emissione di una CBDC.

L’Associazione Bancaria Italiana, o ABI, ha affermato il proprio interesse a sostenere l’implementazione di una moneta digitale europea avviando studi sul progetto di euro digitale.

L’annuncio

Secondo un annuncio, l’associazione sta lavorando con un suo gruppo di ricerca e sviluppo, ABI Lab, e le banche commerciali del paese per sviluppare un euro digitale da lanciare in fase sperimentale.

Secondo quanto riferito, lo studio sull’euro digitale dell’ABI si concentrerà su due aree principali: analisi di fattibilità tecnica e programmabilità della CBDC per creare una distinzione dai metodi di pagamento elettronici esistenti.

Per saperne di più: L’85% delle banche italiane utilizzano la blockchain permissioned

L’azienda italiana di reti di imprese SIA assisterà il consorzio negli studi di fattibilità tecnica. SIA è anche una collaboratrice di Project Spunta,  il progetto interbancario basato su blockchain dell’ABI.

Mentre il progetto si concentra su un euro digitale in fase sperimentale, non ci sono indicazioni di alcun coinvolgimento da parte della Banca d’Italia. Invece, altri collaboratori come la società di servizi digitali Reply e il gigante della consulenza PwC sono stati nominati partner nello studio di fattibilità del progetto.

L’ABI

Per ABI, il programma fa parte di uno slancio per preparare le banche italiane ad un futuro che potrebbe includere un euro digitale. 

Commentando gli scopi e gli obiettivi del progetto, un portavoce di ABI ha dichiarato a Cointelegraph EN:

Lo scopo dell’iniziativa è di contribuire in modo proattivo al dibattito pubblico e supportare le banche che operano in Italia mentre si preparano per il futuro. La scelta non mira ad anticipare la decisione della Banca Centrale Europea sull’adozione di una moneta digitale, ma piuttosto ad esplorare possibili casi d’uso e riflettere in anticipo sulle implicazioni della sua possibile implementazione “.

A dicembre, un funzionario della BCE ha affermato che la fase di considerazione della Banca Centrale Europea sull’emissione di un euro digitale potrebbe protrarsi fino al 2021. In effetti, i rapporti precedenti affermavano che l’emissione vera e prorpia di una CBDC in Europa sarebbe arrivata non prima di 5 anni.

Per saperne di più: ABI: 10 criteri per una moneta digitale di Banca centrale

ENTRA NELLA COMMUNITY


DISCLAIMER

L’attività del sito non costituisce consulenza personalizzata così come indicato dal D.Lgs. 58/98, così come modificato dal successivo D.Lgs. 167/2007. Chi scrive non conosce le caratteristiche personali di nessuno dei lettori, in specie flussi reddituali, capacità a sostenere perdite, consistenza patrimoniale. Tutti i contenuti del sito hanno solo scopi didattici, educativi e informativi. Pertanto tutti gli articoli non sono da intendersi come consigli finanziari.