Nasce la prima Banca Federale per i servizi bancari digitali

Fonte immagine: Cryptorivista, Crypto Rivista

Anchorage ha ottenuto per la prima volta l’approvazione a ricevere un’autorizzazione federale per fornire servizi bancari con risorse digitali, sebbene Kraken abbia ricevuto delle autorizzazioni statali per i servizi bancari digitali nel Wyoming. 

Sebbene l’autorizzazione del Wyoming consenta a Kraken di operare a livello nazionale, presenta alcune limitazioni pertanto dall’OCC rendendola la prima “banca di risorse digitali” nazionale negli Stati Uniti.

La custodia, la gestione e il commercio di risorse digitali sono state ostacolate normativamente attraverso l’attività delle grandi istituzioni finanziarie, e degli organi di controllo ma ultimamente vengono in alcuni Paesi sempre più agevolate attraverso al rimozione degli ostacoli eretti sino ad oggi.

Per saperne di più: Il regolatore americano ha consentito alle banche di custodire le riserve delle stablecoin

Office of the Comptroller of the Currency

L’OCC, ramo del Dipartimento del Tesoro incaricato di mantenere le banche sicure ma anche competitive, ha ora emesso tre lettere che gettano le basi affinché le banche custodiscano criptovalute, partecipino alle reti blockchain e diventino fornitori di pagamenti utilizzando queste tecnologie.

“Nel concedere questa carta, l’OCC ha applicato la stessa rigorosa revisione e gli stessi standard applicati a tutte le richieste”, ha detto il regolatore della banca in una nota. “Portando questo candidato nel sistema bancario federale, la banca e l’industria trarranno vantaggio dalla vasta esperienza e competenza di vigilanza dell’OCC”.

Il capo facente funzione dell’OCC Brian Brooks, parlando ad un evento pubblico mercoledì scorso, ha espresso la sua convinzione che le banche e i servizi finanziari più in generale, passeranno ad essere basati su blockchain.

“Penso che ciò che è necessario sia la creazione di banche crittografiche che siano in grado di detenere stablecoin che riflettono il valore di una valuta fiat, ma ciò non cambia l’asset nativo, e devi avere vere criptovalute qui dove interagiscono P2P “, ha detto Brooks. “La valuta Fiat alla fine sarà un retaggio del passato”.

Per saperne di più: Analisi: Primo vero ritracciamento di questo movimento parabolico

I vantaggi

I vantaggi sono chiari: piuttosto che obbligare le aziende a richiedere 49 licenze statali di trasferimento di denaro in modo frammentario, una carta nazionale consentirà alle imprese di operare in tutto il paese contemporaneamente, e probabilmente non solo.

Inoltre, questa scelta consente ad Anchorage di sviluppare nuovi servizi:

Significa che esiste una società cripto-nativa che offre cripto come prestiti, staking a cui ora è consentito di essere effettivamente collegata direttamente al nucleo del sistema finanziario.

Anchorage ha dichiarato in un post sul blog che accompagna l’annuncio che la sua nuova banca istituita a livello federale “soddisferà in modo inequivocabile la definizione di “servizio di custodia qualificato”.

I depositari qualificati sono entità legali negli Stati Uniti che mantengono i fondi dei clienti e detengono titoli in modi specifici e definiti. I regolatori federali come la Securities and Exchange Commission (SEC) possono designare entità come custodi qualificati, mentre i regolatori statali non ne hanno facoltà. 

Investor Protection Act

Le società che si occupano di criptovalute hanno da tempo problemi a diventare “custodi qualificati”, a causa di domande su come i fornitori di servizi di asset digitali possono conformarsi agli aspetti del “Securities Investor Protection Act del 1970” – in particolare, come i broker possono dimostrare che nessun’altra entità ha accesso alle proprie chiavi private. 

In questa occasione però ogni dubbio sulla gestione delle chiavi crittografiche è stato rimosso e questo spianerebbe la strada per gli investitori più grandi e più avversi al rischio come i fondi pensione ad entrare nel mondo cripto.

Conclusioni

L’annuncio di oggi è un riconoscimento del fatto che non solo le banche possono interagire con la crittografia, ma che le società che nativamente sviluppano questi servizi possono funzionare come banche. 

Questo è il passo più importante fino ad ora verso la completa modernizzazione del nostro sistema di servizi finanziari.

ENTRA NELLA COMMUNITY


DISCLAIMER

L’attività del sito non costituisce consulenza personalizzata così come indicato dal D.Lgs. 58/98, così come modificato dal successivo D.Lgs. 167/2007. Chi scrive non conosce le caratteristiche personali di nessuno dei lettori, in specie flussi reddituali, capacità a sostenere perdite, consistenza patrimoniale. Tutti i contenuti del sito hanno solo scopi didattici, educativi e informativi. Pertanto tutti gli articoli non sono da intendersi come consigli finanziari.