Nike: Le scarpe diventeranno simili a CryptoKitties

Il famoso produttore di abbigliamento sportivo e calzature Nike ha brevettato il meccanismo di tokenizzazione dei prodotti utilizzando la blockchain di Ethereum. La società intende emettere i token per proteggere l’autenticità delle sneaker. La notizia è trappellata da un documento pubblicato dall’Ufficio brevetti e marchi degli Stati Uniti.

 

In particolare, Nike intende emettere i token non fungibili (NFT) dello standard ERC-721 o ERC-1155. Uno degli esempi più sorprendenti dell’uso di tali token è il gioco CryptoKitties.

 

Con l’aiuto di token, il proprietario della scarpa sarà in grado di dimostrarne la proprietà esclusiva.

 

I token chiamati CryptoKicks si “sbloccano” quando la scarpa viene acquistata: abbinano il codice univoco delle sneaker all’ID del proprietario tramite l’app sullo smartphone.

 

“I proprietari attuali e potenziali possono acquistare e vendere le scarpe digitali attraverso uno o più registri blockchain che operano in un sistema di elaborazione decentralizzato. Ad esempio, un utente può acquistare un nuovo paio di scarpe in tutta tranquillità da un venditore chiedendo prima il token per verificare l’autenticità delle sneaker”, afferma il brevetto.

 

Nike propone inoltre di creare paia di scarpe da collezione “incrociando” tra loro analoghi digitali:

 

“L’acquirente può scambiare sia scarpe materiali che digitali, conservare queste ultime in un wallet di criptovaluta o altro deposito blockchain, nonché “incrociare” le scarpe digitali con altre coppie. Il risultato dell’incrocio può essere trasformato in un paio di scarpe materiali”.

 

Ricordiamo che la multinazionale Nike ha presentato la domanda per il marchio “Cryptokicks” all’Ufficio brevetti e marchi degli Stati Uniti ad aprile.