Il Congresso degli Stati Uniti ha presentato il disegno di legge per ottimizzare la regolamentazione delle criptovalute

20 Dicembre, 2019

Il membro del Congresso degli Stati Uniti, Paul Gosar, ha proposto un disegno di legge che prevede l‘ottimizzazione della regolamentazione delle criptovalute. La nuova normativa ha lo scopo di dividere l’inclusione di diverse tipi di valute digitali nel quadro normativo tra i vari enti pubblici, riporta Forbes.

 

In particolare, Gosar propone di dividere valute digitali in tre categorie: Crypto-Currency, Crypto-Commodity e Crypto-Security.

 

La regolamentazione della prima categoria (Crypto-Currency) sarà affidata alla Rete per la lotta contro i reati finanziari (FinCEN), la seconda categoria (Crypto-Commodity) alla Commissione commerciale futures sulle materie prime degli Stati Uniti (CFTC) e la terza (Crypto-Security) alla Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti (SEC).

 

Secondo il disegno di legge, i “Crypto-Commodity” sono beni fungibili ed offerti senza differenze qualitative sulla blockchain. Crypto-Security, saranno quei strumenti finanziari che rappresentano un’obbligazione, emessa a seguito di un processo di cartolarizzazione sulla blockchain. Inoltre, nel disegno di legge, c’è la proposta di chiamare le criptovalute come “strumenti legati al dollaro” o "derivati sulla blockchain".

 

Inoltre sottolineiamo che, gli autori del disegno di legge, hanno invitato il segretario al Tesoro degli Stati Uniti d'America di iniziare a tracciare le transazioni di criptovalute e applicare a quest’ultimi gli standard AML / CFT.