Société Générale ha scelto la blockchain di Tezos per testare l’euro digitale

Fonte immagine: cryptoRivista, Vlad Golub

La banca francese Société Générale ha scelto la blockchain di Tezos per testare l’euro digitale nei pagamenti transfrontalieri.

La blockchain di Tezos è stata scelta dalla Société Générale perché è open source, nonché per l’algoritmo di consenso Proof of Stake (PoS). Il supporto tecnico alla banca verrà fornito dal team delle società di ricerca e sviluppo Nomadic Labs – attualmente l’azienda si concentra sullo sviluppo del core di Tezos. 

Michel Mauny, il CEO di Nomadic Labs, ha affermato che grazie alle sue caratteristiche tecniche, la blockchain di Tezos è già utilizzata in vari progetti in Francia e all’estero. Ad esempio, dal settembre dello scorso anno, la polizia francese ha iniziato a tenere traccia delle spese sulla blockchain di Tezos.

“Siamo doppiamente lieti che un gigante finanziario come Société Générale abbia scelto Tezos per testare la valuta digitale statale. Ciò conferma l’alto livello dei nostri sviluppatori e la qualità del loro lavoro”, ha affermato Michel Mauny.

Dunque, questa iniziativa della banca Société Générale è uno dei primi significativi segnali di un lavoro grandissimo che si sta svolgendo per lo sviluppo dell’euro digitale.

Un’altro segnale positivo è che, di recente, la presidente della Banca Centrale Europea (BCE), Christine Lagarde, ha affermato che una decisione definitiva sull’emissione dell’euro digitale per i Paesi dell’Eurozona verrà presa a breve. 

Tuttavia, nonostante una notizia piuttosto positiva per l’ecosistema di Tezos, la criptovaluta XTZ non ha mostrato alcun segno di crescita. Nelle ultime 24 ore, secondo i dati del portale analitico CoinGecko, il prezzo di Tezos è diminuito del 4,8% – 2,5 dollari USA.

Per non perdere le notizie più importanti provenienti dal mondo delle criptovalute iscriviti a CryptoRivista su: Facebook Twitter Telegram LinkedIn.