Analisi Bitcoin ed Ethereum del 14/12/2020

Fonte immagine: Cryptorivista, Crypto Rivista

Nella settimana appena conclusa Bitcoin ha continuato la sua corsa altalenante per l’anno corrente dopo una settimana in cui la spinta ribassista è arrivata a testare i 17.500$ che rappresentano il livello di ritracciamento.

Bitcoin – USD

Bitcoin viene attualmente scambiato al livello 19.200$ dopo una settimana in cui la spinta ribassista a testare i 17.500$ che rappresentano il livello di ritracciamento 0.618 di Fibonacci dell’ultimo movimento impulsivo.

Trovandosi di fatto in territori di prezzo dove non abbiamo molto storico risulta difficile stabilire con precisione supporti e resistenze.

Una resistenza si è andata a formare nel range che va dai 19.500$ ai 20.000$, prezzo di vendita allettante per miners e retailers.

I range di resistenza sono ovviamente ampi in quanto in prossimità di livelli di questa importanza la volatilità è molto accentuata.

A fare da padrona alla temporanea ripresa del prezzo si fa notare la presenza di una divergenza Bullish nascosta su timeframe giornaliero sull RSI.

Per saperne di più: Fidelity Digital: Bitcoin come garanzia per prestiti in contanti

Cosa si intende per Hidden Bullish divergence?

L’oscillatore RSI ha visto una forte pressione di vendita che lo ha fatto scaricare andando a disegnare lower lows (minimi decrescenti) quando il grafico dei prezzi segnava invece Higher lows (minimi crescenti) sottintendendo che la spinta ribassista era molto forte ma veniva riassorbita in maniera vigorosa evitando una forte discesa dei prezzi e andando di fatto a creare un asincronia tra la price action e l’oscillatore.

(Divergenza visibile sull RSI: Linea nera)

Se il prezzo dovesse rompere al ribasso la trendline rialzista il supporto più importante da mantenere si trova in area 16.100$ seguito dalla zona 13.600$ – 14.000$.

In caso di rottura al rialzo i livelli da monitorare nel breve ci vengono segnalati dalle estensioni di fibonacci che troviamo:

-) 1.212: 20.900$

-) 1.414: 21.500$

-) 1.618: 22.200$

La rottura del massimo storico di BTC unito ai fondamentali che giorno dopo giorno sottolineano come l’ esposizione degli istituzionali nei confronti della criptovaluta per antonomasia non faccia che aumentare devono metterci in guardia su una possibile FOMO, che annullerebbe nel breve qualsivoglia tentativo di stabilire aprioristicamente dei possibili livelli di inversione del prezzo.

Alla luce di questa disamina mi sento di consigliare senza riserve la gestione della propria posizione tramite StopLoss incrementali, sia manuali che Trail, e lo scarico graduale delle posizioni evitando di vendere tutto su un unico livello di prezzo.

GAP CME

Dopo una spiegazione sommaria sul funzionamento dei GAP sul CME di cui abbiamo già discusso in precedenza (GAP CME), segnaliamo come il GAP1 sia stato fillato a metà (rettangolo rosso)

Sottilineiamo inoltre la creazione odierna di un nuovo e ampio GAP (rettangolo azzurro)

ETHEREUM – USD

Osservazioni simili per Ethereum che vede la comparsa con relativa conferma di una divergenza bullish su time frame giornaliero.

Anche in questo caso il prezzo è ripartito dopo un test affrettato del livello 0.618 di Fibonacci sull’ ultimo impulso rialzista.

In caso di rottura del livello posto a 540$ le prime zone di supporto si trovano rispettivamente a 495$ e 440$.

Al di sopra il livello 0.618 di Fibonacci di lungo periodo fa da resistenza e una sua riconquista ci proietterebbe sui 680$ prima e 835$ successivamente.

Buon trading a tutti!

Per saperne di più: JPMorgan: completata un’operazione repo intraday in Blockchain