Rotate: il bar di Crypto trader di Londra che permette di acquistare birra in bitcoin con Lightning Network

Rotate: il bar di Crypto trader di Londra che permette di acquistare birra in bitcoin con Lightning Network cover

Rotate: il bar di Crypto trader di Londra che permette di acquistare birra in bitcoin con Lightning Network

Scritto da Alessandro Kokich
10-05-2019 2 minuti

CryptoRivista Banner Brave

Dall'esterno, Rotate sembra un normale bar. La maggior parte delle persone che camminano fuori strada probabilmente non si rendono conto di cosa c'è di speciale: questo è uno degli unici bar di Londra che accetta pagamenti in bitcoin con Lightning Network.

 


 

Rotate ha iniziato ad accettare bitcoin a marzo anche se, questa innovazione, era prevista per lo scorso novembre, periodo in cui il bar ha aperto le porte ai suoi clienti.

 

Ross McNeil, manager di Rotate, afferma:

 

"Questo bar vuole essere in prima linea. Ammetto però che implementare pagamenti in bitcoin utilizzando Lightning Network (LN) non è stato facile."

 

Infatti, molto prima che le crypto fossero un'opzione per l'acquisto di birra, Rotate era un punto di ritrovo per gli investitori e i trader di criptovalute, in parte attirati dai legami sociali del proprietario James Stell. Due volte al mese, un gruppo di 30-40 persone si riuniva, riempiendo il bar, per scambiare idee.

 

Tuttavia, i clienti che vogliono pagare in bitcoin sono pochi. Arriva puntualmente la sera e si riuniscono gli stessi trader e investitori che frequentavano Rotate l'anno scorso con la vecchia gestione. Essi hanno infatti "holdato" BTC, moneta per cui intravedevano un immenso potenziale. Finalmente, possono comprare la birra con quello che, a lungo, hanno considerato al pari una valuta fiat.

 

Rotate è situato nel cuore di Shoreditch, una zona del centro nord di Londra che ha subito una rapida crescita negli ultimi decenni. È qui che i giovani banchieri arrivano per spendere i loro soldi, mentre escono dalle strade attorno alla Banca d'Inghilterra a sud. Se un'enclave di imprese di criptovalute dovesse sorgere nella capitale della Gran Bretagna, questa sarebbe un'ambientazione probabile.

 

Quindi, perché non appendere il manifesto 'bitcoin' su tutte le pareti?

 

McNeil, tuttavia, chiarisce:

 

"Le persone non vengono qui solo per il fatto che accettiamo bitcoin. Per una minoranza di clienti, questo potrebbe essere sufficiente ma il mercato è piccolo al momento e non è ancora il momento di centrare l'immagine di Rotate sulle crypto."

 

Complessivamente, in Gran Bretagna, uno dei primi stabilimenti ad accettare bitcoin fu la catena Individual Pub, diretta da Stephen Early. Ultimamente però, non offre più la possibilità di effettuare pagamenti con bitcoin.

 

"Ci siamo fermati a luglio 2017 quando la rete bitcoin principale è diventata inutilizzabile per le transazioni faccia a faccia. Non era pratico elaborare regolarmente pagamenti bitcoin, inoltre è stimato che non più di 1 cliente ogni 1000 sfrutta questa possibilità."

 

Recentemente però, sviluppi come Lightning Network stanno cambiando la praticità quotidiana di Bitcoin: il sistema consente alle transazioni di avviarsi fuori blockchain, e quindi velocemente, garantendo al contempo la conferma sulla blockchain successivamente.

 

Come gran parte dei soggetti affini al mondo delle crypto, anche Newton afferma che il pagamento in bitcoin dovrebbe essere semplice.

 

"In teoria, è così semplice. Più semplice dell'utilizzo della cassa, in teoria. Lightning vanta una velocità di pagamento misurata in millisecondi o secondi. Ma ci sono stati dei problemi iniziali. Infatti, appena i pagamenti vengono ritardati, e né il cliente né il personale ne capiscono il motivo, la situazione diventa di difficile gestione."

 

Tuttavia, sia McNeil che Newton si aspettano che il pagamento con i bitcoin sia normale tra non molto. Secondo essi, il punto di svolta arriverà quando un marchio importante come Starbucks o McDonald's inizierà ad accettare crypto.

Aggiornamento giornaliero

I nostri social


Le idee e le opinioni espresse in questo articolo non sono da considerare come un consiglio finanziario. Qualsiasi trade o investimento comporta dei rischi: si consiglia di condurre la propria ricerca prima di prendere una decisione definitiva. Il sito CryptoRivista.com non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001

[@username_url] profile img
Alessandro Kokich
@a.kok
COLLABORATORI
13 NOTIZIE
0 ARTICOLI

Nato nel 1995, appassionato di sport, appena laureato in economia aziendale con Tesi riguardante il mercato delle cryptovalute, una passione crescente cominciata circa due anni fa.