24-04-2019 1 minuto

La Blockchain ricostruisce la storia

marco_laurenti Scritto da Marco Laurenti

Sessantatre minuti per bruciare Nove Secoli di storia della cattedrale parigina, ma la Blockchain e le criptovalute possono ricostruirla, non solo digitalmente.


Quando si iniziò a parlare di DLT e criptovalute nessuno mai, eccetto Satoshi, si sarebbe mai immaginato che avrebbero davvero sconvolto non solo il mondo digitale ma anche quello reale.

Bitcoin e le altre criptovalute scendono in soccorso della cattedrale parigina di Notre-Dame, devastata questa settimana da un tragico incendio, coniugando storia e cultura con l’innovazione tecnologica.

Per contribuire alla ricostruzione la svizzera Eidoo, startup attiva nel campo delle criptovalute con un wallet multivaluta e un exchange, ha annunciato una donazione di 10mila dollari. Lo fa utilizzando le piattaforme di Aidcoin ed Helperbit, entrambe basate sulla tecnologia blockchain in modo da poter rendere trasparenti e tracciabili le donazioni benefiche.

La possibilità di effettuare una donazione per la ricostruzione della cattedrale simbolo di Parigi è aperta anche a tutte le altre aziende, associazioni e utenti singoli che vogliano contribuire alla corsa di solidarietà internazionale, che ha già raccolto cifre che si aggirano intorno al miliardo di dollari.

Sul sito di Aidcoin è disponibile una pagina dedicata grazie alla quale poter contribuire, anche in forma anonima. Nessuna delle società coinvolte - precisa una nota - raccoglierà alcuna fee sulle donazioni, fatta salva per la commissione prevista dalla blockchain di riferimento.

Le due piattaforme accettano versamenti in Bitcoin, Ethereum, Cardano, Dash, Litecoin, Zcash e un’altra ventina di criptovalute meno conosciute.

Attraverso Helperbit sarà inoltre possibile fare donazioni utilizzando le più tradizionali carte di credito e debito. «Le donazioni attraverso Helperbit e Aidcoin garantiranno piena trasparenza, responsabilità e accesso diretto ai destinatari finali», commenta il CEO di Eidoo, Thomas Bertani.

 

Sempre più concretezza all’uso delle criptovalute che ancora una volta si attestano come strumento attraverso cui sia il donatore che il ricevente hanno la certezza di dove e di come i il quantitativo di denaro venga impiegato.