20-05-2019 2 minuti

Dopo l'hacking di Binance, CZ ha riassunto tutto l’accaduto

vlad Scritto da Vlad Golub

Il CEO di Binance, Changpeng Zhao, ha riassunto il recente attacco alla piattaforma, in seguito al quale gli hacker sono riusciti a rubare 7.000 BTC.

 

 

Come scrive Zhao, subito dopo l'hacking, il team di Binance non era sicuro di cosa fosse successo esattamente. Il sistema di sicurezza dell’exchange è stato il primo ad affrontare l’attacco, facendo bloccare i prelievi dalla piattaforma.

 

'Sebbene in retrospettiva tutto sia estremamente chiaro, in quel momento non eravamo sicuri al 100% di quello che era successo esattamente. É  stata un'azione dell'utente, un crash di sistema o forse un hack? Dato che in quel momento stavamo ancora valutando la situazione, abbiamo deciso di procedere con cautela. Ho pubblicato un tweet in cui si affermava che i sistemi di prelievo sono in manutenzione non programmata, mentre il team continuava ad indagare su ciò che era accaduto', scrive 'CZ'.

 

Il CEO di Binance ha anche sottolineato l'importanza della comunicazione con la community in tali situazioni:

 

'Non sapevo come la community avrebbe reagito ad una settimana di interruzione dei prelievi, ma fortunatamente la trasparenza nella comunicazione è stata ripagata e abbiamo ricevuto un enorme sostegno dai nostri  incredibili utenti.'

 

Zhao ha anche affrontato il problema della perdita dei fondi. Secondo le sue parole, subito dopo l'hacking, il team ha rapidamente calcolato che Binance poteva facilmente coprire il danno causato dagli hacker. Inoltre, il CEO di Binance ha osservato che, l'ammontare dei fondi rubati era paragonato ad uno dei ‘BURN’ trimestrali dei token BNB condotto dall’exchange nel 2018.

 

In aggiunta, sottolinea Zhao, a settembre 2017, quando il governo cinese ha emesso una lettera che proibiva le ICO e ha “raccomandato" alle aziende emittenti [dei token] di restituire i fondi agli investitori, una sola notizia di questo genere ha causato il brusco declino di molti token al di sotto del loro prezzo di lancio:

 

'Anche in quel caso abbiamo fatto un rapido calcolo: se avessimo aiutato le aziende a coprire le loro perdite, questa azione ci sarebbe costata circa $ 6 milioni ... Abbiamo preso questa decisione. Ci è costato più del 35% di tutti i soldi che avevamo in quel momento.'

 

Secondo Zhao, l’azione sopracitata ha portato a Binance molti utenti dalla Cina e da tutto il mondo, che hanno contribuito alla crescita dell'azienda.

 

'Questa volta, i $ 40 milioni rubati dagli hacker, in termine di percentuali, è una perdita molto più piccola e abbiamo nelle nostre riserve abbastanza liquidità per coprire il tutto, in più avevamo anche il fondo #SAFU che poteva coprire completamente il danno', ha detto il CEO di Binance.

 

Changpeng ‘CZ’ Zhao ha anche ringraziato tutti i membri della community per l'aiuto e il supporto fornito dopo l'hacking.

 

Ricordiamo che l'attacco degli hacker ha comportato una perdita da parte dell’exchange di circa 7000 BTC.