05-05-2019 2 minuti

Paytomat: l'ecosistema EOS based che rivoluzionerà i pagamenti con criptovalute

alexfer33 Scritto da Alessio Ferraro

Paytomat è una piattaforma decentralizzata il cui scopo è quello di semplificare l'interazione degli utenti con il mondo delle criptovalute e permettere loro di acquistare beni e servizi con le medesime, abilitando i commercianti a riceverle. 

 

Paytomat racchiude nei suoi 3 strumenti tutto ciò che il cryptoutente necessita per gestire, conservare e pagare con le proprie monete preferite.

 

Il primo strumento è rappresentato dall'app Merchant. Essa permette ai commercianti di ricevere pagamenti in criptovalute. Si può integrare in dispositivi già esistenti (smartphone e tablet) e in alcuni pos abilitati (Ingenico, Poster, Servio e molti altri). Tramite l'emissione di QR code univoci, il commerciante sarà in grado di generare una transazione e ricevere il pagamento in una delle criptovalute supportate dal sistema.

 

L'azienda sta inoltre lavorando con Lightning Peach e Bitfury per l'integrazione di Lightning Network per i pagamenti in bitcoin.

 

Al momento, le crypto accettate dal circuito Paytomat sono le seguenti:

 

  • Bitcoin (BTC);
  • Ethereum (ETH);
  • Litecoin (LTC);
  • DASH;
  • Nem (XEM);
  • NANO;
  • EOS;
  • Digibyte (DGB);
  • WAVES;
  • Zcoin (XZC);
  • Groestlcoin (GRS);
  • STEEM;
  • Horizen (ZEN);
  • Bitcoin Gold (BTG);
  • Bitcore (BTX);
  • Decreed (DCR);
  • Dimecoin (DIME);
  • Bytom (BTM);
  • PIVX. 

 

Il sistema permette al commerciante di ricevere il pagamento direttamente in euro (o nella valuta legale dello stato in cui si trova). Questo gli permette di essere protetto dalla volatilità delle cripto e lo agevola anche a livello fiscale in quanto la valuta da egli ricevuta è la medesima della ricevuta (fattura o scontrino fiscale), nel caso dell'Italia l'euro. 

 

Il secondo strumento che Paytomat ha messo a disposizione degli utenti è il comodissimo mobile wallet. Esso permette di archiviare e gestire le criptovalute, effettuare pagamenti tramite scansione QR, scambiare le monete principali grazie all'integrazione di Changelly, creare e gestire il proprio account EOS, attraverso il quale sarà anche possibile collegarsi direttamente agli Exchange decentralizzati, utilizzare le dApp e molto altro.

 

Alla creazione del wallet, verrà rilasciata una frase mnemonica di 12 o 24 parole per ripristinare il proprio portamonete. Dall'app è inoltre possibile estrarre singolarmente le chiavi private di ogni moneta contenuta al suo interno. 

 

Le crypto supportate al momento sono:

 

  • Bitcoin (BTC);
  • Ethereum (ETH) e tutti i token ERC-20;
  • Litecoin (LTC);
  • Tron (TRX);
  • DASH;
  • Nem (XEM) e tutti i token NEM Mosaic;
  • EOS e tutti i token basati sulla propria blockchain;
  • WAVES;
  • TEZOS (XTZ);
  • Zcoin (XZC);
  • Horizen (ZEN);
  • Bitcoin Gold (BTG);
  • Bitcore (BTX). 

 

Mensilmente, inoltre, tramite il sito vote.paytomat.com è possibile votare quale valuta si desidera aggiungere al Wallet. Il primo contest, terminato il mese scorso, è stato vinto dalla criptovaluta Tezos (XTZ) che è stata recentemente aggiunta al wallet. 

 

Il terzo e ultimo strumento è rappresentato dal token PTI, la moneta di Paytomat. Essa, basata su blockchian EOS, rappresenta una novità assoluta nel mondo delle criptovalute. La sua funzione? Fidelizzare il cliente. 

 

Il cryptoutente che utilizza le proprie crypto per pagare tramite il Paytomat Wallet o per utilizzare il servizio di Exchange integrato, riceverà automaticamente un cashback al termine di ogni operazione in token PTI. 

 

Il token PTI è già listato sugli exchange EOS decentralizzati e su alcuni Exchange centralizzati ed è stato recentemente inserito nel CoinMarketCap. 

 

Al momento, in Italia ci sono 4 attività che accettano pagamenti in criptovalute tramite Paytomat, mentre complessivamente in tutto il mondo i commercianti abilitati sono circa 300. La lista completa dei commercianti si può trovare sul sito ufficiale www.paytomat.com