Bitcoin in pre-rally: Analizzati i dati che lo confermano

Fonte immagine: PixaBay, Vlad Golub

Il rapporto tra il volume di Bitcoin inviati dalle whale (balene) verso gli exchange di criptovalute rispetto allo stesso indicatore degli investitori al dettaglio, il cosiddetto “Exchange Whale Ratio”, è sceso ai minimi di quest’anno.

L’attenzione della community su questa metrica è stata attirata dal CEO della società analitica CryptoQuant Ki Young-Ju.

Secondo l’analista, meno fondi inviano le balene verso gli exchange, minori sono le possibilità di un crollo del tasso, quindi, più è probabile che il prezzo di Bitcoin aumenti.

L’ultima volta che l’indice “Exchange Whale Ratio” mostrava gli indicatori così bassi era nell’aprile 2019, dopo di che il prezzo di Bitcoin è passato da $ 4,000 a $ 13,000 in pochi mesi.

Exchange Whale Ratio è il rapporto tra la dimensione relativa dei primi 10 Bitcoin wallet e l’afflusso giornaliero cumulativo di fondi verso tutti gli exchange monitorati.

In precedenza, il fatto che Bitcoin stia “uscendo dalle mani dei grandi possessori”, lo hanno notato anche gli analisti di Glassnode. Secondo le loro osservazioni, i saldi dei portafogli con 10, 100 o più BTC stanno diminuendo e il numero di indirizzi che detengono 1 o più BTC ha raggiunto il record di 823,992.

Infine ricordiamo che, di recente, l’imprenditore e autore di bestseller “Rich Dad Poor Dad”, Robert Kiyosaki, ha predetto che i prezzi di Bitcoin, oro e argento crolleranno dopo il rilascio di un efficace vaccino contro il coronavirus (COVID-19). Tuttavia, secondo l’uomo, il crollo sarà il momento migliore per acquistare gli asset sopraelencati.

Per non perdere le notizie più importanti provenienti dal mondo delle criptovalute iscriviti a CryptoRivista su: Facebook Twitter Telegram LinkedIn.