Canon vittima del ransomware: gli hacker chiedono il riscatto in criptovalute

Il 30 luglio, i cloud server di Canon, un’azienda giapponese tra le maggiori produttrici mondiali di fotocamere digitali, sono stati attaccati da un virus ransomware. Attualmente gli hacker chiedono all’azienda un riscatto in criptovalute sotto la minaccia della pubblicazione dei dati personali degli utenti.

Secondo quanto riporta Bleeping Computer, il ransomware ha colpito il servizio e-mail interno di Canon, la piattaforma Microsoft Teams, il sito Web americano dell’azienda e le altre applicazioni interne. In totale, il virus ha infettato 24 domini associati all’azienda.

Secondo le ultime indiscrezioni, il ransomware ha crittografato circa 10 terabyte di dati, fotografie e altri documenti importanti degli utenti.

Fonte: Bleeping Computer

Se Canon non dovesse rispettare i termini degli hacker entro sette giorni, gli aggressori minacciano di pubblicare tutti i file su Internet.

La quantità di riscatto e il numero di dispositivi infettati dal ransomware non sono stati specificati.

Inizialmente, la Bleeping Computer suggeriva che l’attacco fosse organizzato dal gruppo di hacker Maze. Tuttavia, i suoi rappresentanti hanno negato il loro coinvolgimento nell’attacco.

Inoltre ricordiamo che, di recente anche il produttore di smartwatch Garmin, un’azienda americana tra i leader del settore, è stato attaccato da un ransomware. Grazie all’attacco, gli hacker sono riusciti ad estorcere dall’azienda circa 10 milioni di dollari per la decodifica dei file.

Ransomware

Un ransomware è un tipo di virus (malware) che limita l’accesso del dispositivo che infetta, richiedendo un riscatto (chiaramente in criptovalute) da pagare per rimuovere la limitazione e decifrare i dati crittografati. 

Infine ricordiamo che, gli attacchi hacker nel mondo delle criptovalute sono un evento abbastanza ordinario. Nei primi 11 anni dell’esistenza di Bitcoin si sono verificati migliaia di attacchi hacker con conseguenze gravissime e decine di miliardi di dollari rubati.

Per non perdere le notizie più importanti provenienti dal mondo delle criptovalute iscriviti a CryptoRivista su: Facebook Twitter Telegram LinkedIn.