1000 euro per investire in criptovalute: quali monete scegliere

Fonte immagine: Unsplash, Marco Laurenti

Le informazioni in questo articolo NON sono da intendere come consigli finanziari, che CryptoRivista NON è abilitata a fornire.

Il modo più semplice per iniziare a guadagnare con le criptovalute è investire in esse. Per cominciare, basteranno appena 1000 euro, ma la diversificazione è importante. È necessario investire in varie monete per ridurre i rischi. Attualmente esistono oltre 7,200 criptovalute, ma solo una piccola parte di merita attenzione.

Attualmente ci sono tre approcci per investire in criptovalute:

Conservativo: investire solo in Bitcoin – la prima e più importante criptovaluta. I suoi vantaggi sono: emissione limitata (21 milioni di qui 18,5 milioni sono stati già minati) e la capitalizzazione alta (al momento della stesura di questo articolo, la market cap di BTC è pari a circa $ 200 miliardi, il che è 5 volte superiore rispetto alla capitalizzazione del concorrente più vicino Ethereum).

Moderato: investire in Bitcoin (BTC) ed Ethereum (ETH) in un rapporto 70/30 o 50/50, a seconda della fiducia dell’investitore nel futuro degli smart contract.

Rischioso: investire con molta cautela, soprattutto se non siete investitori professionisti (i professionisti di solito investono più di 1000 euro ed hanno esperienza pregressa), in altcoin che stanno sulla punta della lingua di tutti. Se una persona è mentalmente preparata per l’alta volatilità, puoi aggiungere al proprio portafoglio Uniswap – il leader di mercato DeFi, Binance Coin – la valuta digitale dietro la quale si trova l’exchange più grande al mondo e, possibilmente, alcune monete per lo staking: Polkadot (DOT), Tezos (XTZ), Atom.

Tuttavia, forse l’approccio migliore per un investitore con poca esperienza potrebbe essere quello di combinare tutti i tre metodi sopra elencati, per coprire i rischi al meglio. In questo caso, la strategia migliore potrebbe essere la seguente: 

50% Bitcoin: BTC è la criptovaluta più stabile ed è considerata il “treno” che porta dietro di sé tutto il mercato. Come spesso accade, se cresce bitcoin, crescono anche tutte le altre criptovalute.

30%-40% Ethereum: ETH è una delle blockchain più popolari ed usati dell’industria. Attualmente, più del 95% di tutti i progetti della finanza decentralizzata sono avviati su Ethereum. Inoltre, a breve, dovrebbe essere lanciata la “fase zero” della seconda versione della blockchain di ETH chiamata Ethereum 2.0

5%-10% top altcoin: Per top altcoin si intendono i progetti di grande spessore, come ad esempio: Tron, NEO, Polkadot, Binance Coin, Tezos, Atom, etc. Si tratta dei progetti molto forti che tuttavia non sono utilizzati quanto Ethereum. Se supponessimo che tra una settimana dovesse scomparire un progetto come Polkadot, il mercato potrebbe scendere a breve termine. Se invece dovesse scomparire Ethereum, tutta l’industria delle criptovalute potrebbe non riprendersi mai più.   

5% DeFi token: i token della finanza decentralizzata si sono rivelati un grandissimo “jolly” di quest’anno. Possono arricchire con pochi spicci, ma con oltre tanta facilità impoverire gli investitori. Proprio per questo motivo abbiamo stazionato appena il 5% (o 50 euro) per questo tipo di investimento – poiché molto probabilmente che tutto quello che invesitrete in DeFi verrà perduto. Tuttavia, in caso di successo, il vostro portafoglio potrebbe crescere di parecchi punti percentuali. Uno degli esempi più recenti, oltre al famoso yEarn Finance, è il MEME token – creato per scherzo – che in un mese è cresciuto del 26 600%. Appena apparso sugli exchange, MEME veniva scambiato a 7-10 dollari e in un mese è cresciuto a $ 1963 per moneta. Quindi se un investitore alle prime armi avesse investi in un token del genere 50 euro, in appena un mese avrebbe guadagnato ben 9 815 dollari.

Dunque, l’approccio migliore per un investitore alle prime armi nel mercato delle criptovalute è quello di formarsi, diversificare, ma sempre con la testa e con un criterio ben preciso, comprendendo sempre i rischi pertanto è bene investire solo una quantità di fondi tale che la perdita completa non costituisca per voi un serio problema.

Le informazioni in questo articolo NON sono da intendere come consigli finanziari, che CryptoRivista NON è abilitata a fornire.

Per non perdere le notizie più importanti provenienti dal mondo delle criptovalute iscriviti a CryptoRivista su: Facebook Twitter Telegram LinkedIn.

Crypto menzionate (1)

Bitcoin / BTC

$ 13076.02