Bitcoin: sono rimaste meno di 2,5 milioni di monete da emettere

Fonte immagine: PixaBay, Vlad Golub

Il numero di Bitcoin generati a seguito del mining ha superato quota 18,5 milioni. Quindi, restano disponibili meno di 2,5 milioni di monete che potranno essere mai emesse, o poco meno del 12% dell’emissione totale della prima criptovaluta.

Inoltre, nei prossimi quattro anni, i miner estrarranno circa 1,25 milioni – ovvero la metà della somma di Bitcoin rimasti che potranno essere mai “prodotti”.

Secondo l’algoritmo stabilito dal creatore di Bitcoin Satoshi Nakamoto, i nuovi BTC vengono generati ogni volta che viene trovato un nuovo blocco con le transazioni. Il numero di monete nel blocco diminuisce periodicamente: ogni quattro anni circa c’è un halving – un dimezzamento della ricompensa per i minatori. Il compito principale dell’halving (dimezzamento) è controllare l’emissione della prima criptovaluta e frenarne l’inflazione.

Pertanto, esiste una “roadmap” di emissione di Bitcoin programmata e si conosce anche la quantità totale di monete che verranno emesse: 21 milioni. L’ultimo Bitcoin dovrebbe essere “prodotto” nel 2140.

Dal 2009 si sono già verificati tre halving nella blockchain di Bitcoin. Come risultato dell’ultimo, avvenuto nel maggio 2020, la ricompensa per i miner è scesa da 12,5 a 6,25 BTC.

Per non perdere le notizie più importanti provenienti dal mondo delle criptovalute iscriviti a CryptoRivista su: Facebook Twitter Telegram LinkedIn.

Crypto menzionate (1)

Bitcoin / BTC

$ 13049.49