Chainalysis: i miner hanno significativamente ridotto le vendite di Bitcoin minati 

Secondo l’ultima ricerca della società analitica Chainalysis, da aprile a giugno, i miner di Bitcoin hanno costantemente ridotto le vendite di BTC minati. Ciò significa che i “minatori” stanno accumulano la criptovaluta per venderla successivamente ad un prezzo più elevato, riporta Nasdaq.

I miner di Bitcoin pagano le bollette, pagano i dipendenti e acquistano attrezzature per contanti (FIAT), quindi sono i venditori regolari di BTC. Di recente, tuttavia, la percentuale di vendite di Bitcoin è in costante calo. Ad esempio, il 20 maggio è stato venduto il 15% del numero di monete estratte, sebbene in media i “minatori” vendono circa il 60-70% dell’importo minato.

Fonte: CoinDesk

“Sembra che i miner si aspettino che nei prossimi mesi saranno in grado di vendere bitcoin ad un prezzo più elevato”, sottolineano gli analisti di CoinDesk.

Tuttavia, secondo il fondatore di ByteTree, Charlie Morris, l’accumulo di fondi da parte dei miner potrebbe anche indicare che non sono sicuri del mercato. Quindi, la tattica dell’accumulo potrebbe derivare dalla paura di inondare il mercato di Bitcoin e far crollare il prezzo.

Infine ricordiamo che, secondo una ricerca di Digiconomist, i miner di BTC hanno aumentato il proprio consumo energetico. Inoltre, secondo gli esperti, se Bitcoinfosse uno stato, quest’ultimo si sarebbe classificato al 45° posto nella classifica dei paesi con il più alto tasso di consumo dell’elettricità.

Crypto menzionate (1)

Bitcoin / BTC

$ 19352.83