Svizzera: approvato un quadro normativo per criptovalute e blockchain

L’Assemblea federale – l’organo legislativo della Confederazione Svizzera – ha approvato una nuova serie di emendamenti alla legislazione finanziaria, il cosiddetto “Blockchain Act”, che riguardano le criptovalute e la blockchain.

Secondo quanto riporta Swiss info, le modifiche riguardano diversi settori, tra cui il commercio professionale di titoli e il fallimento delle società. Ciascuno degli emendamenti introduce definizioni precise per le criptovalute. 

Ora la legge che regolamenta il commercio di titoli tiene conto anche delle criptovalute. Mentre le modifiche alle norme che regolamentano il fallimento delle aziende va ora a determinare il processo legale del sequestro delle criptovalute alla compagnia fallita. Le modifiche definiscono anche i requisiti legali per il funzionamento degli exchange di criptovalute al fine di ridurre i rischi di riciclaggio di denaro.

Tutte le modifiche approvate oggi al parlamento svizzero dovrebbero entrare in vigore all’inizio del prossimo anno. Secondo Swiss info, il pacchetto emendato dovrebbe dare un nuovo impulso allo sviluppo della finanza decentralizzata (DeFi), delle criptovalute e della blockchain in Svizzera.

“A partire dal prossimo anno, la Svizzera avrà uno dei quadri normativi più avanzati al mondo in termini di blockchain e criptovalute”, ha affermato il consigliere di stato Heinz Tännler.

Attualmente in Svizzera sono registrate più di 900 aziende che lavorano nel campo della blockchain e delle criptovalute. Tra questi c’è anche la Libra Association, che sviluppa l’omonima stablecoin di Facebook.

Infine ricordiamo che, all’inizio di settembre, il cantone svizzero di Zugo ha consentito ad aziende e privati ​​di pagare le tasse in criptovalute – Bitcoin ed Ethereum.

Per non perdere le notizie più importanti provenienti dal mondo delle criptovalute iscriviti a CryptoRivista su: Facebook Twitter Telegram LinkedIn.